Guida al VISTO DI CONFORMITÀ – CIRCOLARE 7E

Pubblicata il 27 aprile l’ultimo aggiornamento della guida al VISTO DI CONFORMITÀ relativa all’anno d’imposta 2017.

Tassazione partecipazioni qualificate

La legge di Bilancio 2018 ha riformato la tassazione di utili e proventi assimilati percepiti da persone fisiche titolari di partecipazioni qualificate in soggetti con personalità giuridica.

La partecipazione si definisce qualificata se le quote/azioni detenute dal socio superano il 25% del Capitale Sociale o rappresentano almeno il 20% dei diritti di voto in Assemblea per le società non quotate, ovvero il 5% ed il 2% per le quotate. Continua a leggere

Aumento soglia Bonus Irpef

Il Bonus IRPEF, introdotto dal D.L. n.66/2014 e riportato nei campi da 391 della CU 2018 ed al rigo C14 ed RC14, rispettivamente del Modello 730/2018 e Redditi PF/2018, è stato aggiornato per quanto riguarda le soglie di reddito dalla Legge di Bilancio 2018.
Nello specifico, si tratta di € 80,00 mensili riconosciuti in busta paga dal sostituto di imposta per redditi fino ad € 24.000, con una riduzione fino ad azzerarsi per redditi superiori ad € 26.000,00. Queste soglie sono state riformate come segue
– da € 24.000,00 a € 24.600,00
– da € 26.000,00 a € 26.600,00
Con conseguente ampliamento delle soglie di accesso al beneficio.
A tal proposito occorre ricordare che, qualora in sede di dichiarazione non si riscontri la presenza dei requisiti per la presenza di maggior redditi dichiarati, sarà necessario restituire il bonus percepito.

Premi di risultato

La L.232 del 2016 (Stabilità 2017) ha reintrodotto un sistema di retribuzione premiale sui premi di risultato collegati ad incrementi di produttività che consiste nell’applicazione di una imposta sostitutiva pari al 10% da applicare sul valore erogato a titolo di premio di risultato.
Questo valore in seguito alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2018 (L.205/2017) è stato elevato ai seguenti importi:
  • da € 2.000,00 a € 3.000,00 (cfr. codice 1 – punto 571 e/o 581 CU 2018);
  • da € 2.500,00 a € 4.000,00 per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro (cfr. codice 2 – punto 571 e/o 581 CU 2018).
Questo particolare regime di tassazione che rimane comunque opzionale per il lavoratore dipendete, si applica esclusivamente ai lavoratori del settore privato che nell’anno di imposta precedente a quello di percezione del premio non abbiano conseguito redditi superiori ad € 80.000,00.
Questi redditi devono essere dichiarati al rigo C4 del Quadro C nel modello 730/2018 ed al rigo RC4 Quadro RC del modello Redditi PF 2018, come “somme per premi di risultato e welfare aziendale“.
Maggiori chiarimenti in merito sono stati forniti dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare N.5/E del 29/3/2018.

NOVITA’ 2018 – LOCAZIONI BREVI E CEDOLARE SECCA

NOVITA’ 2018 – LOCAZIONI BREVI E CEDOLARE SECCA 

Con l’introduzione della nuova disciplina fiscale in materia di cedolare secca sui contratti di locazione di immobili ad uso abitativo della durata inferiore a 30 giorni, stipulati da persone fisiche e sottoscritti a partire dal 1 giugno 2017 (cfr. art.4 D.L.50/2017),  è prevista l’applicazione di una ritenuta a titolo di imposta del 21% in caso di locazione conclusa con intermediario anche attraverso portali on line.
La locazione breve nel modello 730/2018 deve essere dichiarata nel Quadro B, mentre le ritenute subite e certificate dall’intermediario mediante il rilascio della Certificazione Unica, devono essere riportate nel Rigo F8 del Quadro F.
Tale disciplina si applica anche alla fattispecie della sublocazione o dei contratti di locazione conclusi dal comodatario in favore di terzi.
In tale ipotesi il reddito da locazione sarà dichiarato dal comodatario al rigo D4 del Quadro D mentre il proprietario dovrà dichiarare al Quadro B la sola rendita catastale dell’immobile.
Nel Modello Redditi 2018 l’imposta sostitutiva sulla locazione breve viene determinata nel nuovo Quadro LC, che riporta le risultanze della liquidazione di imposta relativa ai redditi dichiarati nel Quadro RB dei redditi fondiari ed RL dei Redditi Diversi.

Continua a leggere