Modello Redditi Pf 2018: le novità del primo Fascicolo 2

Una delle novità più consistenti riguarda il quadro RB (redditi dei fabbricati) e le locazioni brevi.
A partire dal 1° giugno 2017 è stata introdotta un’apposita disciplina fiscale per i contratti di locazione di immobili a uso abitativo, situati in Italia, la cui durata non supera i 30 giorni, stipulati da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa (articolo 4, commi da 1 a 7, Dl 50/2017). Continua a leggere

Definizione agevolata delle cartelle: i pagamenti in scadenza il 31 luglio

Scadenza in arrivo per i contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata delle cartelle: è fissato al prossimo 31 luglio, infatti, il termine per eseguire i pagamenti relativi sia alla “rottamazione bis” (Dl 148/2017) sia alla prima definizione agevolata (Dl 193/2016). Continua a leggere

Risparmio energetico: intestazione documenti

FINO AL 23 LUGLIO PUOI PRESENTARE AL CAF IL TUO 730.

I soggetti che possono fruire della detrazione Irpef per gli interventi finalizzati al risparmio energetico sono indicati nella scheda informativa da trasmettere all’Enea. Nel caso in cui non vi sia coincidenza tra il nominativo riportato nella scheda informativa e l’intestazione del bonifico (o della fattura), la detrazione spetta al soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa, a prescindere dalla circostanza che il bonifico sia stato ordinato da un conto corrente cointestato con il soggetto che risulti invece intestatario dei predetti documenti. A tal fine, è necessario che i documenti di spesa siano appositamente integrati con il nominativo del soggetto che ha sostenuto la spesa e con l’indicazione della relativa percentuale di sostenimento. Le integrazioni devono essere effettuate fin dal primo anno di fruizione del beneficio; è esclusa, infatti, la possibilità di modificare nei periodi d’imposta successivi la ripartizione della spesa sostenuta (circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, pagina 306).

[Fonte Fiscooggi]

Recupero edilizio e permuta dell’immobile

In linea generale, si ricorda che nell’ipotesi di “vendita” dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi di recupero edilizio, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita, per i rimanenti periodi d’imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente persona fisica (articolo 16-bis, comma 8, Tuir). Sul punto, è stato precisato che l’espressione “vendita” deve intendersi riferita a tutte le ipotesi in cui si realizza una cessione dell’immobile, anche a titolo gratuito (quindi anche in caso di donazione – cfr. circolare Min. Finanze n. 57 del 24 febbraio 1998, paragrafo 4). Inoltre, è stato chiarito che le medesime considerazioni valgono anche nell’ipotesi di permuta poiché, in base all’articolo 1555 del codice civile, “le norme stabilite per la vendita si applicano anche alla permuta, in quanto siano con questa compatibili” (circolare n. 25/E del 19 giugno 2012, paragrafo 1.2).

[Fonte fiscooggi.it]

Detrazione canoni locazione

A favore dei titolari di contratti di locazione per unità immobiliari utilizzate come abitazione principale spetta una detrazione Irpef graduata, tra l’altro, in relazione al tipo di contratto di locazione, alla situazione personale del locatario e all’ammontare del reddito complessivo. In particolare, in base a quanto stabilito dall’articolo 16, comma 01, Tuir, ai titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale, stipulati o rinnovati ai sensi della legge 431/1998, spetta una detrazione complessivamente pari a: 300 euro (se il reddito complessivo non supera 15.493,71 euro); 150 euro (se il reddito complessivo è superiore a 15.493,71 euro, ma non a 30.987,41 euro). Si ha diritto alla detrazione non solo se il contratto è stato stipulato ai sensi della legge 431/1998, ma anche se è stato stipulato sulla base di precedenti normative e automaticamente prorogato per gli anni successivi (risoluzione n. 200/E del 16 maggio 2008). La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto ed è rapportata al periodo dell’anno durante il quale l’unità immobiliare locata è adibita ad abitazione principale; per abitazione principale si intende quella nella quale il soggetto titolare del contratto di locazione o i suoi familiari dimorano abitualmente.

[Fonte fiscooggi.it]

Convenzione ISEE 2018

Giugno 2018: con la determina presidenziale si conclude positivamente il confronto tra CAF e INPS, raggiungendo finalmente un accordo per il rinnovo della convenzione ISEE / 2018, dopo un lungo iter di approvazione.
Ciò significa che i CAF potranno continuare ad operare al meglio per garantire gratuito supporto ai cittadini nelle richieste di agevolazione e accesso a servizi sociali, ottenibili attraverso la certificazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE).
[Fonte: CONSULTA NAZIONALE DEI CAF]

Bonus mobili e lavori su pertinenze

Coloro che beneficiano della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio possono usufruire anche della detrazione per le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di recupero (“bonus mobili” – articolo 16, comma 2, Dl 63/2013). Il bonus spetta anche qualora i mobili e i grandi elettrodomestici siano destinati ad arredare l’immobile, ma l’intervento cui è collegato tale acquisto sia effettuato sulle pertinenze dell’immobile stesso, anche se autonomamente accatastate (circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, pagina 262).

[Fonte fiscooggi]

DETRAZIONE IRPEF SUI LAVORI CONDOMINIALI

In caso di interventi sulle parti comuni degli edifici residenziali è prevista la possibilità di chiedere la detrazione Irpef.

Per le definizioni degli interventi edilizi per i quali è possibile chiedere la detrazione si fa riferimento a quanto previsto dalle lettere a), b), c) e d) dell’articolo 3 del DPR 380/2001.

In sintesi, si tratta degli interventi di:

  • manutenzione ordinaria
  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia.

La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto, inoltre, detrazioni più elevate per:

  • gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici
    condominiali attraverso i quali si raggiungono determinati indici di prestazione energetica
  • il “sisma bonus“: è il caso in cui la realizzazione degli interventi consegua una riduzione del rischio sismico

Guida al VISTO DI CONFORMITÀ – CIRCOLARE 7E

Pubblicata il 27 aprile l’ultimo aggiornamento della guida al VISTO DI CONFORMITÀ relativa all’anno d’imposta 2017.

Tassazione partecipazioni qualificate

La legge di Bilancio 2018 ha riformato la tassazione di utili e proventi assimilati percepiti da persone fisiche titolari di partecipazioni qualificate in soggetti con personalità giuridica.

La partecipazione si definisce qualificata se le quote/azioni detenute dal socio superano il 25% del Capitale Sociale o rappresentano almeno il 20% dei diritti di voto in Assemblea per le società non quotate, ovvero il 5% ed il 2% per le quotate. Continua a leggere