Scadenza del 30 novembre 2018 per la seconda rata di acconto

 

Si ricorda, che entro il 30 novembre i soggetti interessati sono tenuti ad effettuare il versamento della seconda rata o unica rata riguardo gli acconti di seguito riportati: Continua a leggere

Rottamazione-bis, scadenza del 7 dicembre 2018

Rottamazione-bis, scadenza del 7 dicembre 2018Il 24 ottobre 2018 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il D.L. 119/2018.

Il quale prevede la possibilità di regolarizzare entro il 7 dicembre 2018 le rate di luglio, settembre e ottobre 2018. Continua a leggere

IMU e TASI: Saldo 2018 con scadenza 17 dicembre

IMU e TASI: SALDO 2018 CON SCADENZA 17 DICEMBRE

Entro il prossimo 17 Dicembre, il 16 cade di domenica, tutti i contribuenti interessati sono tenuti al versamento della seconda rata a titolo di saldo. In relazione al pagamento dell’IMU e TASI dovuta per l’anno 2017, per tutti quegli immobili che non risultano esclusi o esenti dal pagamento.

Per il calcolo del “saldo” IMU/TASI occorre prendere a riferimento le aliquote, nonché le detrazioni, approvate dai singoli Comuni per l’anno 2018. Qualora il Comune non ha inviato la propria delibera entro il 16 ottobre 2018, per la seconda rata nonché le detrazioni, nonché le detrazioni, occorrerà considerare le aliquote approvate nel 2017.  Continua a leggere

Definizione agevolata cartelle, occhio al prossimo 1° ottobre

Per i pagamenti è necessario utilizzare il Rav ricevuto con la “Comunicazione delle somme dovute”, ma se lo si è perduto nessun problema: il duplicato è reperibile online

Nuovo appuntamento per chi ha aderito alla definizione agevolata delle cartelle. Il 1° ottobre è il termine entro il quale effettuare il pagamento della quinta e ultima rata della “rottamazione” prevista dal decreto legge 193/2016, ma anche della seconda rata della “rottamazione bis” (Dl 148/2017) per i debiti affidati in riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017. Continua a leggere

Noleggio occasionale di imbarcazioni

Con l’obiettivo di incentivare la nautica da diporto e il turismo nautico, il legislatore ha previsto che il titolare persona fisica o società non avente come oggetto sociale il noleggio o la locazione, ovvero l’utilizzatore a titolo di locazione finanziaria, di imbarcazioni e navi da diporto, può effettuare, in forma occasionale, attività di noleggio (articolo 49-bis, comma 1, Dlgs 171/2005). Continua a leggere

Modello Redditi Pf 2018: le novità del primo Fascicolo 2

Una delle novità più consistenti riguarda il quadro RB (redditi dei fabbricati) e le locazioni brevi.
A partire dal 1° giugno 2017 è stata introdotta un’apposita disciplina fiscale per i contratti di locazione di immobili a uso abitativo, situati in Italia, la cui durata non supera i 30 giorni, stipulati da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa (articolo 4, commi da 1 a 7, Dl 50/2017). Continua a leggere

Modello Redditi Pf 2018: le novità del primo Fascicolo – 1

Diverse le novità normative introdotte dalla legge di bilancio 2017 che hanno interessato il modello di dichiarazione Redditi-Pf 2018.
La prima riguarda la specifica indicazione da fornire nel frontespizio, con la nuova casella “fusione comuni” al rigo relativo al domicilio fiscale posseduto al 1° gennaio 2017, per alcuni particolari comuni.
Infatti, gli enti locali risultanti da una fusione possono mantenere tributi e tariffe differenziati per ciascuno dei territori dei comuni preesistenti alla fusione non oltre il quinto esercizio finanziario della nuova amministrazione (articolo 21, comma 2-ter, Dl 50/2017).
Il rigo “domicilio fiscale al 1/1/2017” deve essere sempre compilato indicando il domicilio alla data del 1° gennaio 2017.

Continua a leggere

Definizione agevolata delle cartelle: i pagamenti in scadenza il 31 luglio

Scadenza in arrivo per i contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata delle cartelle: è fissato al prossimo 31 luglio, infatti, il termine per eseguire i pagamenti relativi sia alla “rottamazione bis” (Dl 148/2017) sia alla prima definizione agevolata (Dl 193/2016). Continua a leggere

Deduzione per adozione minori stranieri

FINO A DOMANI PUOI PRESENTARE AL CAF IL TUO 730.

Dal reddito complessivo è possibile dedurre il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri, certificate nell’ammontare complessivo dall’ente autorizzato che ha ricevuto l’incarico di curare la procedura di adozione (articolo 10, comma 1, lettera l-bis, Tuir). Continua a leggere

Detraibilità acquisto materasso ortopedico

FINO AL 23 LUGLIO PUOI PRESENTARE AL CAF IL TUO 730.

In linea generale, sono detraibili a titolo di spese sanitarie anche quelle sostenute per l’acquisto o l’affitto di dispositivi medici. Per beneficiare della detrazione è necessario che dalla certificazione fiscale (scontrino fiscale o fattura) risulti chiaramente la descrizione del prodotto acquistato e il soggetto che sostiene la spesa. La natura del dispositivo medico può essere identificata anche mediante la codifica utilizzata per la trasmissione dei dati al sistema tessera sanitaria: AD (spese relative all’acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura Ce). Quindi, non possono essere considerati validi i documenti (scontrino fiscale o fattura) su cui è riportata solo l’indicazione “dispositivo medico” (circolare n. 20/E del 13 maggio 2011, paragrafo 5.16). Per agevolare l’individuazione dei prodotti che rispondono alla definizione di dispositivo medico, alla ricordata circolare n. 20/E è allegato uno specifico elenco fornito dal ministero della Salute, non esaustivo, dei dispositivi medici e medico diagnostici in vitro più comuni. Per quelli compresi in questo elenco, come i materassi ortopedici, non è necessario verificare che il dispositivo risulti nella categoria di prodotti che rientrano nella definizione di dispositivi medici detraibili ed è, quindi, sufficiente conservare (per ciascuna tipologia di prodotto) la sola documentazione dalla quale risulti che il prodotto acquistato è dotato di marcatura Ce. Invece, per i dispositivi medici non compresi nell’elenco, per la detraibilità della spesa, occorre che il dispositivo riporti, oltre alla marcatura Ce, anche la conformità alle direttive europee 93/42/Cee, 90/385/Cee e 98/79/Ce e successive modifiche e integrazioni (circolare n. 7/Edel 4 aprile 2017, pagine 32 e 33).

Continua a leggere