Detrazione spese di intermediazione immobiliare

Sono detraibili al 19% le spese di intermediazione immobiliare per l’acquisto di un immobile da adibire ad abitazione principale, nei termini previsti dall’art. 15 del Tuir, lett.b), su un importo massimo di 1000 euro.

La detrazione spetta nel caso di acquisto effettivamente concluso.Il diritto alla detrazione spetta dal momento di stipula di un contratto preliminare regolarmente registrato; tuttavia, qualora l’acquisto non si perfezioni, il contribuente dovrà restituire il valore messo in detrazione.

La detrazione spetta anche:

  • nel caso di acquisto di un immobile per un familiare fiscalmente a carico;
  • in quota, nel caso che l’unità immobiliare sia acquistata da più persone, sempre nel limite di 1000 euro e in quota in base alla percentuale di proprietà.

La nuova normativa prevede che nell’atto di compravendita siano necessariamente indicati:

  1. il compenso versato all’agenzia immobiliare;
  2. la modalità di pagamento dello stesso (assegno, contanti, ecc.);
  3. la partita IVA o il codice fiscale dell’agenzia.

Il valore di spesa da portare in detrazione nell’importo massimo sopra indicato, deve essere riportato nel Quadro E Righi E8/10 codice 17 nel modello 730 e ne Quadrio RP Righi E8/13 codice 17 Nel modello Redditi.