Articoli

Il bonus asili nido fa saltare il diritto alla detrazione

Abbiamo tutti ben presente quanto possano pesare sul bilancio della famiglia le spese sostenute per la frequenza di asili nido da parte dei figli.

Per attenuare – anche se non a sufficienza – tale salasso il legislatore ha previsto la possibilità per i genitori di portare in detrazione dall’Irpef l’onere nella misura del 19%. Ulteriore limitazione che va considerata è quella della spesa massima agevolabile. Infatti, l’importo massimo della spesa ammessa in detrazione è pari a 632 euro per ciascun figlio che frequenta l’asilo nido, pubblico o privato che sia; la somma è ripartita tra i genitori in base all’onere da ciascuno sostenuto. Continua a leggere

Detrazione del 50% in caso di ampliamento

In caso di lavori di recupero del patrimonio edilizio, per i quali si fruisce della relativa detrazione fiscale, che comportino  un ampliamento  della volumetria preesistente è opportuno prestare attenzione al fine di verificare se, ed eventualmente in quale misura, spetti la detrazione.

Continua a leggere

Limite reddito figli a carico

La recente legge di bilancio 2018, modificando l’articolo 12, comma 2, Dpr 917/1986 (Testo unico delle imposte sui redditi), ha previsto che, a partire dal 1° gennaio 2019, per i figli di età non superiore a ventiquattro anni, il limite di reddito complessivo per poter essere considerati fiscalmente a carico è elevato a 4mila euro (articolo 1, commi 252 e 253, legge 205/2017). Pertanto, con riferimento al 2018, continua a trovare applicazione nei confronti di tutti i familiari a carico il limite di 2.840, 51 euro.

Fonte fiscooggi.it

Detrazione spese sanitarie rimborsate.

In linea generale, per poter esercitare il diritto alla detrazione delle spese sanitarie, è necessario che le stesse siano state effettivamente sostenute e rimaste a carico del contribuente. Si considerano rimaste a carico anche le spese sanitarie rimborsate per effetto di premi di assicurazioni sanitarie versati dal contribuente e a fronte di assicurazioni sanitarie stipulate dal sostituto d’imposta, o pagate dallo stesso, con o senza trattenuta a carico del dipendente.

Continua a leggere

LE SPESE SANITARIE NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

Online la GUIDA dell’Agenzia delle Entrate alle spese sanitarie nella dichiarazione dei redditi.

Gli argomenti trattati sono i seguenti:

  • spese sostenute all’estero
  • ripartizione della detrazione in più anni
  • spese mediche generiche e farmaci
  • prestazioni mediche e spese specialistiche
  • prestazioni chirurgiche
  • spese per acquisto o affitto di dispositivi medici
  • spese relative a patologie esenti
  • spese per familiari con patologie esenti
  • importo detraibile
  • documenti necessari
  • spese mediche e di assistenza specifica dei disabili
  • spese deducibili

Redazione Caflavoroefisconews.com